Campania, un fine settimana nel segno di treni storici

Sabato 23 grande successo per l'evento inaugurale con il treno storico per Pietrelcina. Domenica 24 tanti turisti sull’Archeotreno verso Pompei e Paestum.

 

Sventolio di  bandierine agitate da  schiere di bambini hanno accolto, sabato 23 settembre, il ritorno del treno alla stazione di Pietrelcina. Una grande festa a cui hanno preso parte, oltre ai 360 passeggeri del treno storico organizzato per visitare i luoghi di Padre Pio, oltre 400 cittadini che non hanno perso l'occasione di ammirare il convoglio d’epoca che ha segnato la riapertura  della linea Benevento - Bosco Redole, ripristinata grazie all'intervento di Rete Ferroviaria Italiana e della Regione Campania che ha programmato un investimento di 20 milioni di euro per il suo recupero a fini turistici.

Nello scalo ferroviario di Pietrelcina, per celebrare l’evento,è stato allestito un palco per una breve cerimonia a cui hanno preso parte Umberto Del Basso De Caro, Sottosegretario al Ministero Infrastrutture e Trasporti, e il Presidente della Regione, Vincenzo De Luca. A fare gli onori di casa il sindaco di Pietrelcina, Domenico Masone, insieme a tanti altri primi cittadini del circondario, compreso il  sindaco di Benevento, Clemente Mastella. Per la Fondazione FS erano presenti sia il Presidente, Mauro Moretti, che il  Direttore Generale, Luigi Cantamessa. Il programma della giornata ha previsto anche la vista della mostra fotografica dedicata a San Pio, allestita in un locale della stazione, del carro de “la Provvida”, con l’esposizionedi prodotti tipici locali a cura della Confederazione Nazionale dell'Artigianato, e del borgo di Pietrelcina per scoprire il fascino dei luoghi dove è nato e vissuto uno dei maggiori esponenti della cristianità contemporanea.

Domenica 24 è toccato all’Archeotreno far rivivere ai partecipanti le emozioni di un passato recente, quello degli anni ‘30 e ‘50 del secolo scorso rappresentati dalle vetture su cui hanno trovato posto i turisti, che hanno poi avuto modo di viaggiare  molto più indietro nel tempo visitando i siti archeologici di Pompei e Paestum, entrambi patrimonio dell’Unesco. Un’esperienza straordinaria, come hanno dichiarato alcune persone intervistate durante il viaggio, ai microfoni del Tg2 che ha seguito l’evento.

Nei prossimi mesi sarà ancora possibile salire sui treni della Fondazione FS che ha in programma, fino a dicembre, numerose altre corse, inclusi il "Pietrarsa Express", che include la visita al Museo Nazionale Ferroviario, e il Reggia Express, che consente di raggiungere Caserta e ammirare la meravigliosa dimora regale realizzata da Vanvitelli.