Il grande patrimonio storico delle Ferrovie dello Stato Italiane

L’ETR 252 "Arlecchino"

INDIETRO

Torna sulle rotaie il mitico Arlecchino

L’elettrotreno Arlecchino torna a viaggiare sulle ferrovie Italiane, portando nuove opportunità al turismo ferroviario: gli ETR 250 erano una famiglia di treni lussuosi - paragonabili alle Frecce di oggi - che si prestano a viaggi indietro nel tempo con alta qualità a bordo.

Questo modello di treno venne prodotto nel 1960 dalla Ernesto Breda a partire dal più conosciuto Settebello ETR 300, il rapido che collegava Roma e Milano: l’Arlecchino ne prende in prestito la foggia che richiamava quella degli aeroplani, la struttura e la livrea, ma conta solo 4 carrozze anziché 7, rendendolo più versatile e facile da mantenere.

L’inaugurazione avvenne a Roma il 23 luglio 1960 per le Olimpiadi, ma il primo viaggio fu da Bologna a Venezia.

Il design davvero curato, la disposizione delle sedute negli scompartimenti e i colori vivaci degli allestimenti – da cui il soprannome del treno – resero il viaggio su questo mezzo una vera e propria esperienza da vivere.

L'intervento di restauro

Dei quattro esemplari prodotti oggi rimane solo l’ETR 252 a Santhià, mentre gli altri furono smantellati alla fine degli anni ’90

Nel 2013 la Fondazione FS recuperò questo “superstite” e lo trasferì al Deposito Rotabili Storici di Pistoia dove venne stazionato, in attesa di reperire i fondi, ma ben protetto dal vandalismo.

Nel 2016 l’Arlecchino fu trasferito presso un’industria privata in Toscana dove iniziarono finalmente i lavori di restauro. Inizialmente questi hanno riguardato il ripristino meccanico del mezzo: smontando tutti gli arredi e lasciando solo le nude pareti delle carrozze, si è potuta risanare la struttura portante.

L’intervento non è stato però un semplice ripristino, ma anche un ammodernamento: chi viaggerà sull’Arlecchino troverà aria condizionata, un nuovo impianto di illuminazione, un bar di bordo aggiornato ma coerente con lo stile dell’epoca; anche in materia di sicurezza l’Arlecchino è aggiornato, perché monta il Sistema Controllo Marcia Treno (SCMT) che consente di viaggiare su tutte le tratte ferroviarie mantenendo velocità elevate e alti standard di sicurezza.

Tutto l’allestimento è stato restaurato nella più totale fedeltà al modello, riproducendo anche quei colori vivaci che hanno reso famoso l’Arlecchino.

IMMAGINI E DISEGNO DALL'ARCHIVIO DELLA FONDAZIONE FS

L‘ETR 250 entrò in servizio il 23 luglio 1960, in occasione delle Olimpiadi di Roma, compiendo il viaggio inaugurale da Bologna a Venezia. Fu il simbolo del benessere e della ripresa economica degli italiani.

Le poltrone erano avvolgenti e comode, le pareti ricoperte di vinilpelle, i pannelli e i tappeti caratterizzati da una vasta gamma di tinte pastello (da qui il nome Arlecchino), scelte accuratamente da FS e commissionate alla Breda di Sesto San Giovanni. L’unico esemplare rimasto del gruppo ETR 250 è stato trasferito dalla Rimessa dell’ex Treno presidenziale di Roma Termini a Porrena, in provincia di Arezzo, per essere restaurato presso l'Industria privata.

IL TRASFERIMENTO DEL CONVOGLIO PRESSO L'INDUSTRIA PRIVATA E LE PRIME FASI DEI LAVORI

Dopo il trasferimento dell’ETR 252 presso gli impianti dell’Industria Privata, sono stati compiuti i primi interventi propedeutici al ripristino meccanico e al restauro estetico del mezzo.

Rialzate le quattro casse che costituiscono il convoglio, i carrelli e i motori sono stati inviati all’impianto Trenitalia di Ancona per la revisione completa. Smontati gli arredi interni, i finestrini e tutti gli impianti, si è potuto procedere al risanamento della carpenteria e della struttura portante. Concluse queste attività, è ora in corso la posa dei cavi dell'alta, media e bassa tensione lungo tutto il treno. Altri interventi saranno eseguiti per i necessari aggiornamenti impiantistici e per tutte le apparecchiature di trazione. L’installazione di nuovi convertitori per l’alimentazione delle utenze di bordo, dei climatizzatori, dell’illuminazione e per la ricarica delle batterie, realizzati secondo le più moderne tecnologie, saranno in grado di erogare una potenza installata tale da soddisfare le necessità del treno e di garantire circa il 50% in più di potenza come “margine di riserva”. Negli ambienti viaggiatori, nella carrozza 3 è in allestimento lo spazio destinato al bar di bordo, con nuove e moderne attrezzature ma secondo standard estetici coerenti con l’epoca. Parallelamente a queste lavorazioni è in corso l'attività di restauro e ricostruzione delle poltrone che, pur mantenendo esattamente il design e la struttura originali, verranno dotate di nuove imbottiture e tessuti di rivestimento. Inoltre, per far viaggiare l’”Arlecchino” in completa sicurezza, sono previsti diversi aggiornamenti tecnologici tra cui l’installazione nelle cabine di guida del “Sistema Controllo Marcia Treno” e del blocco elettrico delle porte.

LE FASI PIÙ RECENTI DEI LAVORI DI RESTAURO ESTETICO E MECCANICO