Treno storico da Trapani a S. Margherita Belice e Sambuca di Sicilia

Quando : 04 agosto 2019
Regione : Sicilia
Stazione di partenza : Trapani
Stazione di arrivo : Castelvetrano
Composizione del treno : Locomotiva diesel d'epoca e carrozze degli anni '30 "Corbellini" e "Centoporte"

Il treno del bio e delle minni di virgini

TARIFFE E BIGLIETTI

Tariffa unica €20 adulto e €10 ragazzo

Prevista la possibilità di effettuare la sola corsa di andata o ritorno al 50% delle tariffe indicate; tariffa ragazzo viaggiatori 4-12 anni non compiuti; gratuità bambini 0-4 anni non compiuti accompagnati da almeno un adulto pagante e senza garanzia di posto a sedere.

MODALITA' DI ACQUISTO

E' possibile acquistare i biglietti a partire dal 22 giugno attraverso tutti i canali di vendita Trenitalia: sul sito www.trenitalia.com, presso le biglietterie e le self service in stazione, nelle agenzie di viaggio abilitate.

Biglietti in vendita il giorno stesso dell’evento sotto bordo, senza alcuna maggiorazione, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

PROGRAMMA TURISTICO

Il treno percorre le estreme coste occidentali della Sicilia, attraversando i centri abitati costieri e le Riserve Naturali delle Saline di Trapani e Paceco, per poi giungere alle Isole dello Stagnone, di Lago Preola e Gorghi Tondi. Da qui l'itinerario risale verso nord per immettersi nella Valle del Belìce.

Si raggiunge in bus Santa Margherita di Belìce, prima tappa del viaggio, con il Palazzo Filangeri, il Parco, il Teatro, la Palazzata, il grandioso Palazzo di Caccia Venaria, purtroppo distrutto dal terremoto, che rappresentano le architetture monumentali insieme alla Chiesa Madre dedicata al Rosario. A Sambuca vive la storia di uno dei principali casati nobiliari reso celebre da Tomasi di Lampedusa nella scrittura del Gattopardo, che riecheggia nel Palazzo di Donnafugata del romanzo, nel parco, gli ambienti, la quadreria di Palazzo Filangeri, ora sede del Parco Letterario Giuseppe Tomasi di Lampedusa e del Museo del Gattopardo. 

Sambuca di Sicilia è la seconda tappa del viaggio,che,inserita tra i “Borghi più belli d'Italia”, sorge sulla fortezza araba di El Zabut, all'interno del Parco Regionale dei Monti Sicani. La trama di vicoli e basse abitazioni del centro storico, le Chiese di S. Caterina e del Carmine, il Palazzo Campisi e il Casino Beccadelli sono alcune tappe di un possibile percorso di visita.

- Arrivo a Sambuca in via G. Guasto (Sotto villa Comunale;

- Visita Borgo: Teatro l’Idea, Istituzione Gianbecchina, Piazza della Vittoria, Chiesa Santa Caterina, Vicoli Saraceni, Museo Palazzo Panitteri;

- Degustazione presso Palazzo Panitteri – Via Panitteri 1, Sambuca di Sicilia (Sede Bio Distretto Borghi Sicani

- Ritorno in Pullman

Sarà messa a disposizione una guida e il supporto del Comune di Sambuca di Sicilia.

Didattica e degustazioni:

- Prodotti della Comunità Slow Food Borghi Sicani e prodotti biologici del Bio Distretto; valorizzazione e promozione della biodiversità quale prodotti genuini provenienti da agricoltura biologica senza uso di prodotti inquinanti, pesticidi, ecc.. e prodotti  tradizionali con una storia che risale a più di 200 anni.

- Dolce tipico “Minni di Virgini” – PAT (Prodotto Agroalimentare Tradizionale, inserito nell’elenco del Ministero delle Politiche Agricole ed Alimentari – Candidato all’Arca del Gusto. La minna di virgini è un dolce di forno. Ha la forma mammellare con all'apice una protuberanza più scura. È composta da pasta frolla e contiene al suo interno crema di latte, zuccata, scaglie di cioccolato e cannella.. Ideata nel 1725 da suor Virginia Casale di Rocca Menna, del Collegio di Maria di Sambuca. La suora la creò in occasione del matrimonio del  Marchese don Pietro Beccadelli con donna Marianna Gravina. Le minni di virgini saranno accompagnate da un buon vino bio Grillo DOC.

Consulta la locandina.