"Treno del Lago Maggiore" da Torino a Domodossola

Quando : 09 giugno 2019
Regione : Piemonte
Stazione di partenza : Torino Porta Nuova
Stazione di arrivo : Domodossola
Composizione del treno : Locomotiva elettrica d'epoca e carrozze degli anni '30 "Centoporte"

TARIFFE E BIGLIETTI

  • Da Torino e successive località fino a Novara €30 adulto e €15 ragazzo
  • da Stresa €15 adulto e €7,5 ragazzo

Prevista la possibilità di effettuare la sola corsa di andata o ritorno al 50% delle tariffe indicate; tariffa ragazzo viaggiatori 4-12 anni non compiuti; gratuità bambini 0-4 anni non compiuti accompagnati da almeno un adulto pagante e senza garanzia di posto a sedere.

MODALITA' DI ACQUISTO

E' possibile acquistare i biglietti a partire dal 1 giugno attraverso tutti i canali di vendita Trenitalia: sul sito www.trenitalia.com, presso le biglietterie e le self service in stazione, nelle agenzie di viaggio abilitate.

Biglietti in vendita il giorno stesso dell’evento sotto bordo, senza alcuna maggiorazione, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

PROGRAMMA TURISTICO

Dalla metà del ’800 Stresa è una località di rilievo turistico internazionale, posta in posizione panoramica di fronte alle Isole Borromee. Camminate lungo il suo lungolago, nei bei giardini pubblici e tra i lussuosi grand hotels in stile liberty. Nei pressi è ammirabile Villa Ducale, ove morì il filosofo cattolico Antonio Rosmini. Poco lontano attraversate il centro storico per una tappa golosa nei suoi tanti caffé, gelaterie e pasticcerie. Una volta visitato il cuore della località, continuate la passeggiata a lago e, poco fuori il centro abitato in direzione sud, raggiungerete comodamente Parco Pallavicino: l'ottocentesca villa è visibile solo dall'esterno ma vi aspetta la scoperta di un lussureggiante parco di oltre 15 ettari, habitat curato di molte specie animali autoctone e non. Da Piazza Marconi, invece, è possibile raggiungere in pochi minuti di battello le Isole Borromee. Isola Madre: sulla più grande delle isole proprietà della Famiglia Borromeo, un giardino all’inglese di piante rare e fiori esotici, nel quale vivono colorati pavoni e fagiani, la occupa quasi totalmente. La villa del XVI sec. presenta ambienti d’epoca e collezioni di livree, bambole e porcellane. Eccezionale l’esposizione di “Teatrini delle Marionette” del ‘600-’800. Isola Bella: fu concepita nel '600 come un immaginario vascello con il palazzo a prua e il giardino a poppa. Nella maestosa dimora barocca un susseguirsi di sale arredate con arazzi, mobili, dipinti, stucchi porta alla frescura delle grotte a mosaico. Dal palazzo si accede al grandioso giardino all’italiana dove, tra piante acidofile, agrumi e specie vegetali di provenienza lontana, si aggirano i pavoni bianchi. Articolato in dieci terrazze, il giardino è abbellito da vasche, fontane e una moltitudine di statue. Isola dei Pescatori: così chiamata per l’occupazione tipica cui tempo addietro erano dediti i suoi abitanti, l'isola è uno spettacolare dedalo di vicoli acciottolati e strette case con la piccola Chiesa di S. Vittore del XI sec. Ottimi ristoranti permettono di degustare i piatti tipici di lago. Le bancarelle e i negozietti rendono l’atmosfera ancora più pittoresca. Al Lido di Carciano, circa 1 km a piedi dal centro di Stresa, potrete invece partire con la Funivia che, con un tragitto di 20 minuti, raggiunge la vetta del Mottarone (1.491 m). Situato tra il Lago Maggiore e il Lago d’Orta, il Mottarone è considerato uno dei balconi naturali più belli di tutto il Piemonte. L’occhio del visitatore è colpito dalla vista del Monte Rosa e di ben sette laghi tra Piemonte e Lombardia. Da provare è Alpyland, slittovia da brivido con cui scendere a tutta velocità lungo i pendii montani! A metà del tragitto in funivia è il Giardino Botanico Alpinia, situato a soli 300 metri dalla fermata, dove su di una superficie di 40.000 mq con una balconata che offre una spettacolare vista sul Lago Maggiore circa mille sono le piante alpine da ammirare. Sarà poi possibile rientrare a Stresa con le frequenti discese della medesima funivia.

  • Gli ingressi alle attrazioni turistiche PARCO PALLAVICINO, ISOLA MADRE, ISOLA BELLA, GIARDINO ALPINIA e i biglietti dei mezzi di trasporto NAVIGAZIONE LAGO MAGGIORE, FUNIVIA STRESA-ALPINO-MOTTARONE, ALPYLAND sono a pagamento.

Capoluogo dell’Ossola, Domodossola vanta un antico ruolo di città di confine essendo l’ultimo grande centro abitato prima di raggiungere il Passo del Sempione e la Svizzera Vallese. E’ da sempre anche un importante scalo ferroviario per merci e passeggeri. Visitate il suo bel centro storico di stampo medievale e rinascimentale, assai ben conservato, con Piazza Mercato, il Teatro Galletti, i palazzi nobiliari, i porticati e i tipici tetti in beole. La bella Chiesa Collegiata è dedicata ai Santi Gervasio e Protasio, patroni della città, la cui festa è celebrata il 19 giugno di ogni anno con una grande processione. Dal centro cittadino una suggestiva salita acciotolata porta al Sacro Monte Calvario: proclamato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità nel 2003 insieme agli altri Sacri Monti di Piemonte e Lombardia, è anche una Riserva Naturale Speciale. Il suo complesso si erge sullo storico Colle di Mattarella ed è dedicato a Cristo Crocefisso. Venne costruito a partire dal 1656: furono realizzati il Santuario e, nel corso dei secoli, le 15 cappelle che ripercorrono le stazioni della Via Crucis. Nel 1828 vi si stabilì il religioso e filosofo Antonio Rosmini, che creò l’Istituto della Carità di cui i Padri Rosminiani sono tuttora custodi. Proprio accanto a questo luogo di quiete passa l’itinerario escursionistico detto “Via dei Torchi e dei Mulini”, che con bei scorci sulla Val d'Ossola permette di passeggiare tra antiche testimonianze di economia rurale, come vecchie borgate, campi e coltivazioni.

  • I punti di interesse citati sono accessibili gratuitamente.

Consulta la locandina.