Un treno storico istituzionale ha inaugurato la riapertura della Sacile-Maniago

La linea intera, fino a Gemona, sarà utilizzata nei fine settimana per un turismo lento con i viaggi in treno storico. I primi eventi sono previsti nella primavera del 2018.

Riaperta all’esercizio ferroviario la linea Gemona - Sacile, percorsa con il viaggio inaugurale di un treno storico della Fondazione FS. Rete Ferroviaria Italiana ha concluso tutti gli interventi necessari per riattivare il tratto tra Sacile e Maniago lunedì 11 dicembre, in occasione dell’entrata in vigore del nuovo orario.  Diversi i settori interessati dalle attività: armamento, impianti di sicurezza e segnalamento, opere civili, fabbricati di stazione e impianti di telecomunicazione. Rinnovati e risanati circa 30 km di binario con la sostituzione di tutte le traverse e la revisione di 10 scambi, sostituiti e posati cavi per un totale di circa 87 km, consolidati 200 metri di scarpata a Budoia, realizzato un nuovo marciapiede nella stazione di Aviano e ripulito l’intero tratto da piante e arbusti che invadevano la sede ferroviaria. Rinnovati anche i sistemi automatici di comando dei passaggi a livello e il sistema di distanziamento dei treni; ripristinato il telecomando dal Posto Centrale di Pinzano e il sistema di informazione ai viaggiatori; nuovi anche gli arredi nelle stazioni. Investimento complessivo di RFI pari a 17 milioni di euro.

Dalla primavera 2018, nei fine settimana, saranno programmate corse regolari con treni storici organizzati dalla Fondazione FS per i turisti. Come quello che domenica 10 diicembre 2017 ha ospitato le Autorità per il viaggio inaugurale, composto da due carrozze “Corbellini”, una “Centoporte”, una carrozza serie 10.000 di prima classe, un bagagliaio a carrelli e la carrozza di rappresentanza “Grillo”, trainate dalla locomotiva a vapore Gr.740.  Entro il 2018 l’intera linea sarà completamente attiva per l’uso turistico.