Parco dei Rotabili Storici, terminato il restauro di altri due bagagliai

Dopo gli interventi estetici e la revisione ciclica, i veicoli ferroviari d’epoca saranno inseriti nelle composizione dei treni storici per ampliare l’offerta dei viaggi turistici.

Fondazione_FS_F_Parco_rotabili_storici_restauro_bagagliai_1000x350

Sono stati restituiti all’esercizio, a seguito degli opportuni interventi sulla meccanica e di ripristino del decoro, due particolari veicoli ferroviari.

Si tratta del bagagliaio-ausiliario FDIz 149 091, soprannominato dai ferrovieri “Carnera”, per la sua struttura massiccia e imponente.

Questa serie, entrata in servizio a partire dal 1931, è stata utilizzata per il sussidio al servizio di trasporto merci in piccole partite ed è rimasta in servizio fino all’incirca ai primi anni ’80.

Le impegnative operazioni di restauro hanno riguardato, oltre alle revisione degli organi di sicurezza, il completo risanamento della cassa, degli arredi interni e dell’impianto di riscaldamento, compreso quello a vapore.

Il secondo veicolo ferroviario di interesse storico restituito all’esercizio è il Dm 98853.

Costruita a partire dagli anni ’20, questa serie era una presenza costante in composizione ai treni merci raccoglitori.

Era destinato ad ospitare il Capotreno e il personale di scorta, ma veniva utilizzato anche per il trasporto di colli e bagagli.

Hanno caratteristiche tecniche molto semplici: velocità massima di 75 km/h, solo freno a mano e riscaldamento garantito da una piccola stufetta a carbone.

Il ritorno in esercizio di questi due bagagliai assume un ruolo importante nell’ampliamento dell’offerta turistica nell’ambito dei viaggi in treno storico.

Saranno infatti destinati a accogliere servizi utili ai viaggiatori come il punto ristoro a bordo, spazi per esposizioni di prodotti tipici dei luoghi attraversati, trasporto delle bici a seguito.